ILLEGITTIMO LICENZIAMENTO CAPOTRENO TRENITALIA

La Corte di Appello di Venezia ha sancito l’illegittimità del licenziamento: “condotta non dolosa”

Con la recente sentenza n. 434 dell’8 agosto 2019, la Corte d’Appello di Venezia ha sancito l’illegittimità di un licenziamento intimato dalla società Trenitalia Spa ad un capotreno al quale si contestava di avere compiuto – nel biennio 2014/16 – numerose operazioni irregolari su titoli di viaggio.

Tali operazioni irregolari erano inerenti le attività di cambio biglietto, vidimazione, vidimazione speciale, diritto di ammissione, annullamento biglietti senza indicazione nel biglietto del relativo motivo e consistevano in violazioni dei regolamenti interni della società sulle condizioni generali di trasporto.

Il lavoratore impugnava il licenziamento innanzi il Tribunale di Venezia che, all’esito del giudizio di primo grado, accoglieva il ricorso.

In particolare, il Tribunale affermava che le condotte irregolari poste in essere dal ricorrente fossero riconducibili a violazioni di normative regolamentari per le quali il CCNL prevede sanzioni conservative e non il licenziamento, che resta riservato – in base alla contrattazione collettiva – alle ipotesi di condotte che arrecano danno all’esercizio o alle persone ovvero a gravissime violazioni dolose tali da ledere il vincolo fiduciario.

La Corte d’Appello di Venezia ha confermato la pronuncia del Tribunale affermando che il fatto nella sua materialità è riconducibile ad una condotta non dolosa, ma tutt’ al più caratterizzata da negligenza nell’attività di controllo biglietti, senza alcun danno economico per l’azienda. Tale violazione integra un’inosservanza di normativa commerciale/regolamentare interna alla società, che non è punita dal CCNL con il licenziamento, ma al massimo con la sospensione dal servizio e dalla retribuzione, sicché la società avrebbe dovuto applicare la sanzione conservativa in luogo del provvedimento espulsivo.

Il licenziamento è stato pertanto dichiarato illegittimo, con reintegra in servizio del capotreno ai sensi dell’art. 18, co. 4, Stat. Lav.

Avv. Giuseppe Catanzaro 
Studio Legale Pizzuti

Categoria: Lavoro & Diritto

Tags: