LE NOVITÀ SUI LICENZIAMENTI NEL CODICE DELLA CRISI D’IMPRESA E DELL’INSOLVENZA

Con il D.Lgs. 12 gennaio 2019, n. 14, il Governo, dando seguito alla delega ricevuta con la L. 19 ottobre 2017, n. 155, ha adottato il “Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza”

Con il D.Lgs. 12 gennaio 2019, n. 14, il Governo, dando seguito alla delega ricevuta con la L. 19 ottobre 2017, n. 155, ha adottato il “Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza”, dedicato alla disciplina organica delle procedure concorsuali e dei principali strumenti che riguardano la gestione e l’amministrazione delle imprese in stato di crisi e/o insolventi. Il provvedimento entrerà in vigore ad agosto del 2020, restando valide medio tempore le attuali norme (in particolare, con riferimento ai rapporti di lavoro, l’art. 72 della Legge Fallimentare, R.D. 16 marzo 1942, n. 267) e potendo il legislatore intervenire in senso migliorativo (un primo restyling è stato già varato con la L. 8 marzo 2019, n. 20). Sono diverse le norme dedicate ai rapporti di lavoro delle persone giuridiche coinvolte in una procedura di liquidazione giudiziale. Nel presente contributo, ci soffermeremo sulle principali novità in materia di estinzione di tali rapporti di lavoro.

L’art. 2119, co. 2, cod. civ. stabilisce attualmente che l’apertura del fallimento o della liquidazione coatta amministrativa non costituiscono “giusta causa di risoluzione del contratto”. L’art. 376 del D.Lgs. n. 14/2019 ha previsto che, dall’agosto 2020, la norma in questione si riferisca solo alla liquidazione coatta amministrativa, mentre, all’art. 189, stabilisce che l’apertura della liquidazione giudiziale (incluso il fallimento) non costituisce “motivo di licenziamento”. E’ una disposizione che chiaramente intende estendere i confini delineati dal vecchio co. 2 dell’art. 2119 cod. civ.: il ricorso al termine “motivo” in luogo di “giusta causa”, infatti, sta a significare che la liquidazione dell’impresa non può costituire nessuna ipotesi motivata di licenziamento, non solo di giusta causa.

L’art. 189, co. 3, D.Lgs. n. 14/2019 prevede la risoluzione de iure dei rapporti di lavoro sospesi con l’apertura della liquidazione giudiziale se, trascorsi 4 mesi da tale apertura, il curatore non abbia comunicato al lavoratore il subentro nei rapporti di lavoro o il recesso dagli stessi. E’ possibile la proroga di tale termine, ad opera del giudice delegato e fino ad un massimo di 8 mesi, su istanza del curatore o dell’Ispettorato Territoriale del Lavoro (i quali devono però dedurre l’esistenza dei presupposti per la continuità aziendale o per la cessione dell’azienda o di un suo ramo ad altro soggetto giuridico) o dei singoli lavoratori.

Il dipendente, se è stato licenziato per risoluzione automatica a seguito di proroga, ha diritto ad una indennità non soggetta a contribuzione di importo pari a 2 mensilità dell’ultima retribuzione utile per il calcolo del TFR per ogni anno di servizio (per un minimo di 2 ed un massimo di 8 mensilità).

Al di fuori della risoluzione automatica di cui si è detto, il curatore, previa autorizzazione del giudice delegato e sentito il comitato dei creditori, può comunque procedere ad intimare il recesso ai lavoratori dell’impresa insolvente (art. 189, co. 1 e 2, D.Lgs. n. 14/2019). Tale recesso deve essere intimato entro i 4 mesi dalla pubblicazione della sentenza che apre la procedura, o entro l’eventuale ulteriore proroga disposta dal giudice delegato, altrimenti, in tale ultimo caso, interviene, come detto, la risoluzione automatica con pagamento di indennità al lavoratore (e dunque aggravamento dell’esposizione creditoria dell’impresa insolvente). Il recesso intimato (per iscritto) ha effetto dalla sentenza di apertura della liquidazione giudiziale e non dalla ricezione della comunicazione ai sensi dell’art. 1335 cod. civ.

Si tratta chiaramente di una disciplina derogatoria, un’ipotesi che pare peraltro discostarsi dalla disciplina generale in materia di recesso datoriale, il quale, almeno dalla L. n. 604/1966 in poi, è qualificato tecnicamente come “licenziamento”. In effetti, nel Codice della crisi e dell’insolvenza sono usati entrambi i termini (sia “recesso” che “licenziamento”) e, ad es., il co. 7 dell’art. 189 stabilisce che l’indennità di mancato preavviso è riconosciuta sia nei casi di “recesso del curatore” che di “licenziamento”. Recesso e licenziamento, dunque, paiono non essere sinonimi nel Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza e la questione si complica se si pensa che, al co. 9, il D.Lgs. n. 14/2019 autorizza il curatore che abbia ottenuto l’esercizio in continuità dell’impresa ad intimare il recesso dal rapporto “ai sensi della disciplina vigente”. Pare dunque che il recesso senza continuità sia una forma di recesso dal contratto di lavoro speciale, estranea alle norme sul licenziamento poiché non dotato di necessaria motivazione. Peraltro, il co. 3, come detto, afferma che il recesso del primo tipo è intimato per iscritto, precisazione superflua se si trattasse di un licenziamento tipico, ai sensi dell’art. 2 della L. n. 604/1966.

Parte della dottrina si è schierata contro una lettura del recesso in analisi come atto immotivato del curatore, poiché fonte di disparità di trattamento ed ipotesi di presunta violazione dei princìpi europei cui la normativa in questione è orientata.

In particolare, c’è un’opinione che merita di essere segnalata: proponendo una lettura della disciplina del Codice della crisi d’impresa integrata con i princìpi generali in materia di licenziamento, è stato infatti rilevato che:

  1. a) una differenza tra recesso in continuità e non in continuità c’è e va necessariamente presa in considerazione dall’interprete: se il curatore ottiene l’esercizio in continuità dell’impresa, quest’ultima, seppur in maniera procedimentalizzata, esiste ed opera, dunque non vi è motivo per esonerarla dalle regole sul licenziamento previste dall’ordinamento. In caso di mancata continuità, invece, il recesso avviene nell’ambito di una situazione “speciale” di crisi, senza alcuna continuità nell’esercizio d’impresa;
  2. b) il mancato riferimento alla normativa sul licenziamento non vuol dire che questa ipotesi di recesso sia una ipotesi speciale derogatoria di licenziamento deliberato, immotivato del curatore. Se si leggono in combinato disposto le norme presenti nel co.1 e nel co. 3 dell’art. 189, infatti, il curatore, per esercitare questo recesso, deve chiedere l’autorizzazione del giudice delegato, sentito il comitato dei creditori, adducendo la impossibilità di continuare o di cedere l’impresa o comunque manifeste ragioni economiche inerenti all’assetto organizzativo. E’ chiaro, dunque, che si tratta di un licenziamento oggettivo “ristretto”, cioè di un art. 3, L. n. 604/1966 “tipizzato” da due elementi: i) l’impossibilità della continuità aziendale o della cessione d’impresa; ii) le ragioni manifeste di tipo economico/organizzativo.

Il recesso del curatore è dunque un licenziamento a tutti gli effetti motivato, ma secondo ragioni obiettive specifiche, normativamente previste.

Quando il curatore abbia ottenuto dal giudice delegato l’esercizio in continuità dell’impresa, il recesso dai contratti di lavoro avviene secondo le regole vigenti (art. 189, co. 9). Appurato che l’apertura della liquidazione giudiziale non costituisce, da sola, ipotesi di licenziamento giustificato, il curatore dovrà quindi intimare il recesso, adducendo una ragione soggettiva o oggettiva secondo i criteri tradizionali (art. 2119 cod. civ. o art. 3, L. n. 604/1966).

Merita invece approfondimento la questione dell’eventuale intenzione di disporre dei licenziamenti collettivi, ossia licenziamenti economico-organizzativi che interessino un numero complessivo di lavoratori almeno pari a 5 nella medesima unità produttiva o provincia di riferimento nell’arco di 120 giorni (art. 24, L. n. 223/1991, come modificato dall’art. 368, co. 3, del Codice, il quale si occupa anche dell’ipotesi del trasferimento dell’azienda insolvente).

La procedura, rispetto alla disciplina generale, è notevolmente semplificata (art. 189, co. 6). In particolare: 1) la comunicazione di apertura è inviata contestualmente a sindacati ed Ispettorato Territoriale del Lavoro competente, che può anche convocare d’ufficio l’esame congiunto; 2) entro 7 gg. dalla comunicazione, se non arriva cenno dai sindacati la procedura è conclusa e si può licenziare; 3) entro 40 gg. dalla comunicazione, se l’ITL non convoca l’esame congiunto, la procedura è conclusa; 4) se viene convocato esame congiunto, si deve raggiungere un accordo entro 10 gg. dall’apertura della consultazione, altrimenti la procedura può intendersi in ogni caso conclusa, salvo proroga ammessa dal giudice delegato per “giusti motivi” e per non più di 10 giorni.

Il problema più spinoso, però, è quello riguardante la natura obbligatoria/facoltativa di questa procedura al verificarsi dei presupposti causali dell’art. 24, co. 1 e 2, L. n. 223/1991 (riduzione o trasformazione o cessazione impresa con impatto, come detto, su almeno 5 dipendenti entro 120 gg.). In materia di fallimento, la giurisprudenza è granitica: la procedura è elemento che qualifica la causale stessa dei licenziamenti e non può essere omessa al verificarsi dei presupposti. La scelta è coerente con un istituto che limita peraltro il controllo giudiziale sulle ragioni tecniche del recesso, visto che la valutazione è riservata al solo rispetto della procedura e dei criteri di scelta dei lavoratori, in ragione della presenza del vaglio sindacale. Attenendosi a questo indirizzo, deve confermarsi la obbligatorietà della procedura. Anche perché il rischio è la violazione del diritto europeo che, con le Direttive 98/95 e 92/56, ha affermato la necessaria convergenza delle discipline dei licenziamenti collettivi su requisiti comuni e non derogabili.

Quando sono rassegnate dopo 4 mesi dall’apertura della liquidazione giudiziale, le dimissioni rese dal lavoratore dipendente dell’azienda insolvente sono considerate de iure rassegnate per giusta causa (art. 189, co. 5), con la conseguenza di legittimare il lavoratore a richiedere l’indennità di mancato preavviso al curatore (come credito anteriore la procedura e privilegiato) e la Naspi all’INPS. La proroga del termine dei 4 mesi, dunque, è motivo legale di dimissioni per giusta causa. Prima di tale proroga, invece, la giusta causa va provata.

In caso di recesso del curatore, di licenziamento, dimissioni o risoluzione di diritto del contratto di lavoro nell’impresa in liquidazione giudiziale, al lavoratore con contratto a tempo indeterminato spetta l’indennità di mancato preavviso che, ai fini dell’ammissione al passivo, è considerata, come il TFR, vale a dire come credito anteriore all’apertura della procedura (art. 189, co. 8). Lo stesso trattamento riceve il ticket licenziamento previsto dall’art. 2, co. 31, L. n. 92/2012 (c.d. “Riforma Fornero”).

Avv. Gennaro Ilias Vigliotti
Studio Legale Pizzuti

Categoria: Lavoro & Diritto

Tags: